Biografia Tulelli

PETulelli Foto.jpg

Nacque a Zagarise nel 1811 da una famiglia nobiliare (Marchesi), studiò a Zagarise nel Ritiro dei Filippini, frequentò il Corso Teologico al seminario di Catanzaro e sempre a Catanzaro venne ordinato Sacerdote. Possiamo dire subito che Tulelli fu il discepolo prediletto del marchese Puoti e del barone Galluppi e che nello Studio di filosofia, da lui aperto a Napoli, ebbe, tra i tanti allievi, anche “.. i figli del re Borbone i quali, grati per tanta bravura, gli diedero in dono un orologio da camera, opera dei fratelli Japis, vero gioiello di architettura francese”.

Bisogna comunque ricordare che l’attività scientifica e l’insegnamento del Tulelli coincidono con il ventennio di vero splendore dell’Ateneo Napoletano (1860-1880) di cui parla il Croce.
L’università di Napoli, rinnovata dal De Sanctís, forse non aveva mai conosciuto un periodo così luminoso: gli uomini che vi insegnavano erano all’avanguardia in Europa negli studi da loro professati e di riconosciuto e indiscusso valore nel mondo della scienza: il Tulelli appartenne a questa schiera e si riallaccia storicamente al movimento filosofico del quale furono protagonisti, dal 1815 al 1850, Pasquale Galluppi, Ottavio Colecchi, Stefano Cusani e Vincenzo De Grazia, e per la fiducia del De Sanctis ottiene la Cattedra di Filosofia Morale alla Ferdinando II di Napoli .
Il Tulelli, anche se vissuto a Napoli, rimase sempre legato alla sua terra d’origine tanto che nel suo testamento i punti uno e due davano le seguenti disposizioni:
Volendo lasciare una prima testimonianza di affetto alla città di Catanzaro ove ebbi i primi semi dei mio sapere e le prime aspirazioni alla libertà della Patria Italiana, lego al comune della città i miei pochi libri coi fine espresso ed incondizionato di formare il primo fondo ad una biblioteca pubblica da fondarsi in loco adatto a vantaggio della gioventù studiosa e dei cultori della letteratura e della scienza“.
Il Comune di Catanzaro accettò i libri, li trasferiti da Napoli e il 2 giugno 1883, con la grande quantità di volumi di questo primo lascito, potè inaugurare la Biblioteca Comunale De Nobili.
Per Zagarise invece aveva pensato un altro tipo di lascito:
Coi fine di promuovere e favorire nel mio nativo Comune di Zagarise l’educazione morale e l’istruzione letteraria e scientifica e così sospingere quei miei concittadini sulla via della civiltà, istituisco un Monte od Istituto per l’educazione ed istruzione dei giovinetti di detto Comune da elevarsi dal Real Governo in Ente Morale e giuridico con la dotazione di annue lire duemila di rendita al 5% iscritto al gran libro dei Regno d’Italia. All’uopo destino due certificati di rendita a me intestati dell’annua rendita di lire 1.700,00 con la data di Firenze 14 agosto 1878 sotto il N. 649.196 e l’altro dell’annua rendita di lire 300,00 della stessa data e sotto il N. 649.197. Sì fatta annua rendita sarà unicamente ed esclusivamente impiegata per l’educazione e istruzione nelle lettere e nella scienza di un giovinetto fatto volta per volta per modo che si dirà qui appresso nato a Zagarise da genitori ivi domiciliati almeno da dieci anni compiti, dell’età non minore di 7 anni, che sappia almeno leggere e scrivere e mostri in generale attitudine e buona disposizione agli studi“.
Ancora ad oggi queste disposizioni non si sono potute attuare o almeno non si hanno notizie in merito.
Fu amico stimato del Settembrini che lo nomina onorevolmente nella Storia della Letteratura Italiana, sul valore del Tulelli si sono pronunciati fra gli altri il Croce ed il Russo, fu un cattolico liberale patriota, fu a capo degli oppositori degli Spaventiani. Fu Socio Onorario delle seguenti Accademie:

Accademia Scienze Morali e Politiche di Napoli, Socio Onorario Accademia Reale Pontaniana, Socio corrispondente dell’Accademia cosentina e di quella degli Zelanti, membro dell’istituto Americano di New York e della Società Storica di Pensilvania.

Il comune di Catanzaro gli ha dedicato una via periferica (S.Elia).Il comune di Zagarise gli ha dedicato una via nel centro storico. Il comune di Zagarise lo commemora ogni anno nel giorno della sua morte.

Biografia Tulelliultima modifica: 2009-07-31T00:00:00+02:00da comunytation
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento